carlo-cane-entita-differenti-vigevano-2017

Entità Differenti

Mostra personale a cura della “Casa d’Arte San Lorenzo” – Vigevano (PV) – Spazio B (Corso della Repubblica 19)
Dal  02 dicembre 2017  al  17 dicembre 2017

Torna ad esporre, dopo alcuni anni dedicati alla ricerca, Carlo Cane.
Lo fa come di consueto in punta di piedi, consapevole che la sua pittura parlerà per lui.

Un gesto colto, quasi maniacale il suo, che ancora una volta renderà onore alla pittura senza distogliere l’attenzione dalla contemporaneità.
E’ questo che da sempre accompagna ogni singolo lavoro di Carlo Cane e in questa esposizione vigevanese, lo si percepisce fin dal primo istante.
Una sequenza di visioni, perché in fondo di questo si tratta, che troveranno il loro giusto spazio alle pareti di Palazzo Sanseverino.

In tutto sono circa venti i lavori presentati. Tutti realizzati negli ultimi 24 mesi.

Frutto di una sorta di raccoglimento estatico in un isolamento forzato, che hanno portato l’artista ad uno stravolgimento estetico-visivo, culminato nella trasformazione del paesaggio, rendendolo un’entità differente, abbandonando la mimesi per dare sfogo al solo pensiero.

Una sorta di viaggio che indaga non solo sugli elementi della natura, ma invita alla riflessione sulle sorti di essa. Un concetto che da almeno 10 anni accompagna la ricerca di questo artista che per l’occasione non mancherà di sottolinearlo ancora una volta.

Una trasformazione pittorica, questa, giunta al culmine presente, attraverso le molteplici frequentazioni internazionali che hanno reso matura e consapevole la sua cifra stilistica.

 

Uomo mite e raffinato pittore, con fare quasi bulimico, si ciba di continui stravolgimenti anche se l’occhio attento ed allenato riuscirà a coglierne tutti i passaggi.

Senza ombra di dubbio, colui che ammirerà queste opere non potrà esimersi da porsi alcuni quesiti, ai quali neanche l’artista sa dare risposta, se non, individuare alcune delle molteplici soluzioni.

 

“Entità differenti” è il titolo di questa mostra. E c’è, esplicito, un retrogusto legato al cambiamento, in questo titolo. Ma di fatto non è nient’altro che la giusta misura di quello che troveremo davanti al nostro sguardo. Questi lavori sono certamente delle entità. Delle presenze. Tangibili e visibili. Il senso di attesa, di sospensione, declinano invece, con fare quasi metafisico, quella percezione di incombenza, di aspettativa, di cambiamento. Come se da lì a poco, distolto lo sguardo dall’opera, dovesse accadere qualcosa di imprevedibile. Di differente.

Un vero artista non è mai pago dei propri risultati.
Cane veste perfettamente questi “panni” e la sua continua metamorfosi ne è la dimostrazione. L’indole curiosa lo porta ad esprimersi su fronti ancora inesplorati, senza però perdere di vista lo scopo principale della sua arte: l’uomo. Sembrerebbe un contro senso parlare di figura umana in questa serie di lavori dove essa mai appare. Eppure è presente. L’uomo lo è stato, lo è e sempre lo sarà, anche se l’indagine proposta ci racconta solo di questa immaginaria natura che prende il sopravvento su tutto.
La declinazione pittorica è quella del grande maestro, la visione complessiva della sua arte lo dimostra ed i collezionisti ne danno conferma.

Trasparenze, vuoti, pieni, colori accesi e sfumature velate. Questi sono gli elementi stilistici del “Cane Pensiero”.
Più che tavole dipinte, i lavori proposti in questa mostra, sono semplicemente delle visioni.
Differenti, colte, emozionanti e coinvolgenti. O come celebra il titolo di questa mostra, delle entità. Un punto d’arrivo o di partenza?
Questo nessuno lo sa. Ne l’artista ne le penne illustri, da Meneghelli ad Agazzani, dalla Bellati a Sciaccaluga, da Marziani alla Canali, che hanno cercato di coglierne gli innumerevoli aspetti, prima di me.
L’unico modo per scoprirlo è aspettare. Aspettare il prossimo lavoro e vedere dove approderà l’impegno pittorico di Carlo Cane. Questo, la prossima volta, la prossima mostra.
Intanto, mi godo questa esposizione, senza filtri e inibizioni, facendomi guidare dalla consapevolezza di avere davanti a me, lo sforzo di un grande artista.

Roberto Milani


Progetto e organizzazione: Casa d’Arte San Lorenzo
in collaborazione con: C.R.A. Centro Raccolta Arte

Orari di apertura:
sabato e domenica:h. 16.30 – 19.30 – da lunedì a venerdì: su appuntamento

Per informazioni: Casa d’Arte San Lorenzo – www.arte-sanlorenzo.it
galleria@arte-sanlorenzo.it – +39 0571 43595

C.R.A. Centro Raccolta Arte: http://centroraccoltaarte.blogspot.it/
centroraccoltaarte@yahoo.com

Spazio b – info.spaziob@gmail.com – +39 339 8435715

Organizzazione: Casa d’Arte San Lorenzo
Luogo: Vigevano (PV) – Spazio B
Indirizzo: Corso della Repubblica 19, 27029 Vigevano